x

Il mio nome è mai più

Spettacolo teatrale scritto da Domenico Guarino
Regia di Saverio Tommasi

con Chiara Brilli e Saverio Tommasi
Musiche David Brilli

Testo vincitore del premio "Firenze per le culture di pace 2007" intitolato a Tiziano Terzani

"Il mio nome è mai più" è la storia del movimento pacifista visto attraverso gli occhi di una bandiera della pace. Occhi critici, disillusi, ma ancora pieni di speranza. Occhi di chi ne ha viste passare tante, sia pure in un volgere di tempo assai breve. Dalle fiumane di persone in piazza agli sparuti drappelli in presidio di fronte a chissà quale palazzo oramai immemore e sordo: la nostra bandiera racconta sogni, ideali, successi e disfatte di chi ha animato uno dei movimenti più significativi che ha attraversato la società occidentale contemporanea. Tanto da essere definita dal New York Time la "seconda superpotenza" del mondo.

L'opinione pubblica generale ha dapprima abbracciato e poi abbandonato l'ideale della pace "senza se e senza ma". Una bandiera della pace, sopravvissuta insieme a poche altre alla grande ondata, si chiede come e perché questo sia potuto accadere. Parlando di sé a sé, ma anche di noi, a noi.
"Il mio nome è mai più" è anche una critica all'uso delle parole: taciute e stravolte se scomode al potere. Urlate e pervasive quando inutili o necessarie al ristabilimento dello status quo.
Il testo da cui il monologo è stato tratto nel 2007 ha vinto il premio "Un racconto per la pace - Tiziano Terzani" organizzato dall'associazione "un tempio per la Pace".

Domenico Guarino

Galleria

TORNA SU
Il sito è stato realizzato da Delta Digital