x

Un albero al posto del CIE

L'attore Saverio Tommasi e il giornalista Marco Bazzichi hanno piantato un albero nello spazio dove, secondo le dichiarazioni del ministro dell'Interno Roberto Maroni, il governo vuole costruire un Centro di Identificazione ed Espulsione anche in Toscana, a Campi Bisenzio in provincia di Firenze, in un luogo dove già sorgeva una zona di esercitazione militare, chiusa da anni ma mai bonificata.
"I Centri di espulsione", racconta l'attore Saverio Tommasi, "sono prigioni per chi non ha commesso alcun reato. Gabbie in cui rinchiudere chi, considerato straniero anche se magari regolarmente in Italia da dieci o quindici anni, ha perso il lavoro e non è stato in grado di ritrovarlo entro pochi mesi. Una situazione diffusa, in un'Italia in crisi economica, chiusa in se stessa e prodiga nel rinchiudere anche tutti gli altri".

"Straniero è colui che è estraneo da me, altro rispetto al mio essere. Per cui posso tranquillamente affermare che mi sento felicemente straniero rispetto a banchieri e speculatori edilizi, straniero rispetto a chi usa la "diversità" come una "differenza" invece che come una ricchezza, mentre mi sento fratello e sorella di chi, spinto dal bisogno e dalla volontà, decide di vivere in un paese differente da quello in cui, casualmente, si è trovato a nascere".

Saverio Tommasi

Video

TORNA SU
Il sito è stato realizzato da Delta Digital